Feed RSS - Meteo


Il meteo giornale di https://www.3bmeteo.com

Cronaca meteo. Neve a Mosca, in Scandinavia altri 7 giorni di freddo anomalo (mer, 08 mag 2024)
Prosegue a fare ancora piuttosto freddo sulla Scandinavia e questo trend iniziato da ottobre non sembra voler terminare. Anzi le previsioni mostrano ancora temperature sotto la media tra la Scandinavia e il nord della Russia durante i prossimi 7-10 giorni. Le correnti di aria fredda dilagano poi sulla Russia raggiungendo anche Mosca dove stamane nevicava debolmente. Durante il mese di maggio Mosca mostra un graduale rialzo verso temperature più gradevoli intornpo ai 19°C; tuttavia questo non esclude possano verificarsi episodi di neve come quello recente; lo stesso dicasi in Scandinavia. In Finlandia, ad esempio, anche se maggio segna tipicamente il passaggio dalla stagione invernale a quella primaverile, non è insolito che l'inverno faccia sentire ancora la sua presenza. Statisticamente, si possono aspettare tra 1 e 10 giorni di gelo in maggio nelle aree centrali e meridionali del paese, e tra 10 e 15 giorni nelle aree più settentrionali. La Scandinavia è una delle poche aree dell'emisfero nord caratterizzato da un periodo prolungato con temperature sotto media; ciò mentre il 2023 e l'inizio del 2024 registrano sempre nuovi record di caldo mensili continuati a livello globale. Alcuni studi hanno dimostrato che il riscaldamento della regione artica causerebbe cambiamenti nell'assetto del vortice polare. Ciò, a sua volta, porterebbe a ondate di aria fredda ancora più frequente. Lentamente, però, gli inverni estremamente freddi stanno diventando meno frequenti ed i record di caldo sono superiori a quelli di freddo anche in Scandinavia. Il clima invernale della Scandinavia comprende un'ampia variabilità naturale e nel nostro clima attuale sono ancora possibili inverni relativamente freddi e nevosi. Il motivo di questa 'isola di freddo' non è completamente chiaro. Il vortice polare quest'anno non è rimasto centrato sul Polo Nord, ma si è invece spostato verso il Nord Europa, consentendo a masse d'aria artica di fluire verso sud. Questa configurazione potrebbe essere influenzata dalle onde di Rossby, generate da El Niño. El Niño tende a indurre una circolazione atmosferica caratterizzata da un'oscillazione nord-atlantica (NAO) negativa, che a sua volta favorisce condizioni più fredde.  © 3B Meteo
>> leggi di più

Meteo. La siccità estrema in Sud Africa mette a rischio la sicurezza alimentare (Sun, 05 May 2024)
Da ottobre 2023 a marzo 2024 una forte siccità si è diffusa nel Sud Africa, coinvolgendo nazioni come Angola, Zambia, Zimbabwe e Namibia, insieme al bacino dello Zambesi e il sud del Madagascar. Le temperature eccezionalmente alte, risalenti al 1960, hanno esacerbato la situazione, portando il fiume Zambesi a un livello di flusso estremamente basso. Questa siccità ha causato gravi danni alle coltivazioni e messo in pericolo la sicurezza alimentare di milioni di persone. Questa siccità è stata principalmente scatenata dall'El Niño, che ha alterato i regolari schemi di precipitazioni durante la stagione di crescita. ll cambiamento climatico non sembra essere un fattore significativo che influenza la siccità in questi Paesi colpiti. Tra fine gennaio e metà marzo, molte regioni dell'Africa meridionale hanno ricevuto meno della metà delle loro precipitazioni abituali, con febbraio 2024 particolarmente arido. Il 2024 ha segnato un record di siccità degli ultimi 40 anni per vaste aree, nonostante febbraio sia tradizionalmente uno dei mesi più piovosi. Queste condizioni critiche hanno colpito duramente le colture proprio nel momento in cui necessitavano di un'adeguata umidità per crescere e produrre cereali. I danni alle coltivazioni sono stati drammatici in diversi paesi, con oltre la metà delle aree coltivate a mais nel centro e nel sud dello Zambia che hanno subito la morte delle piante. In Zimbabwe, la siccità ha causato la perdita di oltre 9.000 capi di bestiame, mentre più di 1,4 milioni di animali rischiano la morte a causa della mancanza di pascoli e acqua. Anche se ad inizio aprile 2024 si è verificato un lieve miglioramento con alcune precipitazioni localizzate, le previsioni stagionali indicano una continuazione delle condizioni secche e calde per i mesi a venire. © 3B Meteo
>> leggi di più

Meteo. In arrivo la tempesta Ciaran, Windstorm su Irlanda, Francia e Uk (Sun, 29 Oct 2023)
Venti di tempesta sono attesi sull'Europa occidentale tra il 2 ed il 3 novembre nel momento in cui un profondo minimo di bassa pressione si svilupperà in Atlantico, portandosi a ridosso della Gran Bretagna. Raffiche particolarmente violente e potenzialmente dannose sono previste tra Irlanda, Inghilterra meridionale, Nord Spagna e ovest Francia con picchi anche superiori ai 120-130 km/h, in particolare sulla Bretagna dove alcuni modelli numerici mostrano raffiche di 150 km/h. C'è ancora incertezza sulla effettivo spostamento del minimo ciclonico, la cui pressione potrebbe scendere anche sotto i 955 hPa. Una differenza di 200 km può avere impatti diverse sulle condizioni meteorologiche su altre aree. I venti molto forti saranno responsabili di onde molto alte sulle coste con pesanti mareggiate. Secondo il modello Ecmwf le raffiche di vento potrebbero essere record per il periodo Oltre ai venti sono previste forti piogge e acquazzoni intensi; questo potrebbe rappresentare un ulteriore problema per le zone dove il terreno è già saturo per le piogge abbondanti cadute negli ultimi giorni come ad esempio nel Regno Unito. Rimane dunque alto il rischio di ulteriori inondazioni. Il vento forte si estenderà poi anche a Belgio, Olanda, Germania, Svizzera. Una intensificazione del vento, di riflesso, è attesa anche sull'Italia. Perchè avviene? L'embrione di questo ciclone extratropicale attualmente è posizionato sugli USA orientali; è previsto muoversi in Atlantico ed essere agganciato dal flusso portante delle medie latitudini del jet stream per poi portarsi in direzione dell'Europa. Questo vento in quota si andrà intensificando in Atlantico a causa degli accesi contrasti tra la massa d'aria fredda in arrivo dal Canada e quella preesistente. La dinamica del jet stream indurrà un approfondimento del minimo a tutte le quote a sud dell'Irlanda. L'intrusione di aria stratosferica presente in questi cicloni che rispondono al modello concettuale di Shapiro-Keyser e l'apporto di umidità da parte dei flussi di vapore rappresentano ulteriore energia per l'approfondimento. Si tratta di eventi noti definiti windstorm; negli ultimi decenni si evidenzia un aumento delle tempeste sull'Atlantico settentrionale e sull'Europa di Nord Ovest. © 3B Meteo
>> leggi di più